Diritto al rispetto dei giorni festivi

Diritto
Dovere
Lavoratore
Famiglia

Rispetto dei giorni festivi

Il diritto al rispetto dei giorni festivi garantisce ai lavoratori domestici il diritto di godere dei giorni festivi riconosciuti senza essere obbligati a lavorare, a meno che non sia necessario per l'essenzialità del servizio.

Esempio: Alessia, cuoca, non lavora durante le festività principali a meno che non venga pagata una tariffa extra.

FAQ

Risposte a domande comuni

Quali sono i giorni festivi riconosciuti in Italia?
Icona Segno Più

In Italia, i giorni festivi riconosciuti includono il Capodanno (1 gennaio), l'Epifania (6 gennaio), il Lunedì dell'Angelo (variabile), il 25 aprile (Festa della Liberazione), il 1 maggio (Festa del Lavoro), il 2 giugno (Festa della Repubblica), Ferragosto (15 agosto), Ognissanti (1 novembre), l'8 dicembre (Immacolata Concezione), il Natale (25 dicembre), e Santo Stefano (26 dicembre), tra gli altri.

Il datore di lavoro può chiedermi di lavorare nei giorni festivi?
Icona Segno Più

In generale, i lavoratori non sono tenuti a lavorare nei giorni festivi, a meno che non ci sia un accordo contrattuale che preveda questa possibilità. In caso di lavoro nei giorni festivi, il lavoratore ha diritto a una retribuzione maggiorata o a un giorno di riposo compensativo.

Cosa significa il diritto al rispetto dei giorni festivi?
Icona Segno Più

Il diritto al rispetto dei giorni festivi implica che i lavoratori non siano obbligati a lavorare nei giorni riconosciuti come festivi a livello nazionale o locale, a meno che non ci sia un accordo specifico con il datore di lavoro. Questi giorni sono stabiliti dalle leggi nazionali e dai contratti collettivi.

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro

Articoli CCNL correlati

Art.16 Festività nazionali ed infrasettimanali

Icona Segno Più

1. Sono considerate festive le giornate riconosciute tali dalla legislazione vigente; esse attualmente sono:
- 1° gennaio,
- 6 gennaio,
- lunedì di Pasqua,
- 25 aprile,
- 1° maggio,
- 2 giugno,
- 15 agosto,
- 1° novembre,
- 8 dicembre,
- 25 dicembre,
- 26 dicembre,
- S. Patrono.

In tali giornate sarà osservato il completo riposo, fermo restando l'obbligo di corrispondere la normale retribuzione.

2. Per il rapporto ad ore le festività di cui al comma 1 verranno retribuite sulla base della normale paga oraria ragguagliata a 1/6 dell’orario settimanale. Le festività da retribuire sono tutte quelle cadenti nel periodo interessato, indipendentemente dal fatto che in tali giornate fosse prevista, o meno, la prestazione lavorativa.

3. In caso di prestazione lavorativa è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera, il pagamento delle ore lavorate con la retribuzione globale di fatto maggiorata del 60%.

4. In caso di festività infrasettimanale coincidente con la domenica, il lavoratore avrà diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione globale di fatto mensile.

5. Le giornate che hanno cessato di essere considerate festive agli effetti civili, ai sensi della legge 5 marzo 1977, n. 54, sono state compensate mediante il riconoscimento al lavoratore del godimento dell'intera giornata nelle festività di cui al comma 1.

Approfondisci l'articolo

Art.17 Ferie

Icona Segno Più

1. Indipendentemente dalla durata e dalla distribuzione dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, il lavoratore ha diritto ad un periodo di ferie di 26 giorni lavorativi.

2. I lavoratori con retribuzione mensile percepiranno la normale retribuzione, senza alcuna decurtazione; quelli con retribuzione ragguagliata alle ore lavorate percepiranno una retribuzione ragguagliata ad 1/6 dell’orario settimanale per ogni giorno di ferie godute.

3. Il datore di lavoro, compatibilmente con le proprie esigenze e con quelle del lavoratore, dovrà fissare il periodo di ferie, fermo restando la possibilità di diverso accordo tra le parti, da giugno a settembre.

4. Il diritto al godimento delle ferie è irrinunciabile. A norma dell’art. 10 del D.Lgs. 8 aprile 2003,n. 66, un periodo minimo di 4 settimane per ogni anno di servizio non può essere sostituito dalla relativa indennità, salvo il caso previsto al comma 8.

5. Le ferie hanno di regola carattere continuativo. Esse potranno essere frazionate in non più di due periodi all'anno, purché concordati tra le parti. La fruizione delle ferie, salvo il caso previsto al comma 8, deve aver luogo per almeno due settimane entro l’anno di maturazione e, per almeno ulteriori due settimane, entro i 18 mesi successivi all’anno di maturazione.

6. Durante il periodo di godimento delle ferie il lavoratore ha diritto per ciascuna giornata aduna retribuzione pari a 1/26 della retribuzione globale di fatto mensile.

7. Al lavoratore che usufruisca del vitto e dell'alloggio spetta per il periodo delle ferie, ove non usufruisca durante tale periodo di dette corresponsioni, il compenso sostitutivo convenzionale.

8. Nel caso di lavoratore di cittadinanza non italiana che abbia necessità di godere di un periodo di ferie più lungo, al fine di utilizzarlo per un rimpatrio non definitivo, su sua richiesta e con l’accordo del datore di lavoro, è possibile l'accumulo delle ferie nell'arco massimo di un biennio, anche in deroga a quanto previsto al comma 4.

9. In caso di licenziamento o di dimissioni, o se al momento d'inizio del godimento del periodo di ferie il lavoratore non abbia raggiunto un anno di servizio, spetteranno al lavoratore stesso tanti dodicesimi del periodo di ferie al quale ha diritto, quanti sono i mesi di effettivo servizio prestato.

10. Le ferie non possono essere godute durante il periodo di preavviso e di licenziamento, né durante il periodo di malattia o infortunio.

11. Il godimento delle ferie non interrompe la maturazione di tutti gli istituti contrattuali.

12. L’eventuale patologia contratta dal lavoratore durante il periodo feriale che determini il ricovero ospedaliero, laddove debitamente certificata, interrompe il godimento delle ferie per l’intera sua durata. Chiarimento a verbale.I lavoratori hanno diritto a un periodo di ferie annuali nella misura di 26 giorni lavorativi, fermo restando che la settimana lavorativa – quale che sia la distribuzione dell’orario di lavoro settimanale – è comunque considerata di sei giorni lavorativi dal lunedì al sabato agli effetti del computo delle ferie.

Approfondisci l'articolo

Hai un lavoratore domestico e vuoi delegare tutto la noiosa burocrazia a meno di un caffè al giorno?

Scopri una soluzione digitale ed innovativa che ti crea mensilmente cedolini, buste paga e tutti i documenti di cui hai bisogno con un solo click. Cosa aspetti?

Iscriviti ora e scopri di più
Baze Frame

Non sei ancora registrata su Baze? Crea il tuo profilo oggi!

Cosa aspetti? Crea il tuo profilo, ricevi opportunità uniche e trova il lavoro giusto per te.

Baze è la piattaforma che aiuta i lavoratori domestici a trovare un lavoro in regola in famiglie affidabili.

Crea il tuo profilo su Baze
Baze Frame
BLOG

Articoli più popolari

Calcolo del Costo Mensile per Colf
Costo Lavoratore Domestico

Calcolo del Costo Mensile per Colf

Aumenti Moderati: Come Cambiano le Retribuzioni di Colf e Badanti nel 2024
Diritti dei lavoratori domestici

Aumenti Moderati: Come Cambiano le Retribuzioni di Colf e Badanti nel 2024

Intervistato il CEO di Baze Davide Lauria in Merita Business Podcast
News & Eventi

Intervistato il CEO di Baze Davide Lauria in Merita Business Podcast